Se come me avete amato (e odiato e maledetto e perso il sonno e rigiocato ancora e ancora e ancora con) Another World (conosciuto come Out of this World in USA) c’è una buona possibilità che non sappiate ci sia un seguito. No, non parlo di Flashback; se pur edito dalla Delphine Software e costruito con un motore ed una grafica simile non ha nient’altro in comune con uno dei più bei giochi mai apparsi sulla Terra.

Prima di parlare di questa perla poco conosciuta vorrei proporvi una considerazione… Quanto sarebbe bello poter apprezzare gli scenari e la grafica di quest’avventura così emozionante e coinvolgente sfruttando l’alta risoluzione delle moderne schede grafiche? Lo so che conoscete già la versione Hi-Res pubblicata per il 15esimo anniversario ma parlavo della fantastica quanto sconosciuta versione per 3DO. Rigiocare per l’ennesima volta con una grafica totalmente nuova è stato emozionante. Ve lo consiglio. Un emulatore e qualche decina di minuti di download vi regaleranno una nuova prospettiva su quest’avventura spettacolare.

Torniamo al seguito di Another World, il vero seguito, che riprende esattamente da dove avevamo lasciato è uscito solo per Sega CD e si chiama Heart of the Alien.

Come per la versione 3DO, mentre aspettate di ricevere la vostra copia originale (a patto che le abbiate trovate su ebay o abbiate convinto Eric Chahi a vendervi le sue) emulatore e immagine del cd vi permetteranno di giocare la storia dalla prospettiva del vostro amico alieno e vedere VERAMENTE come va a finire.

Ore di puro divertimento (e maledizioni) esattamente come il primo capitolo, stessa identica grafica, stesse identiche emozioni. E forse alla fine anche qualche lacrimuccia 🙂

Non capisco perché Virgin e Interplay non abbiano pubblicato questo mitico secondo capitolo di Another World anche per altre piattaforme, magari con una bella scatola e manuale, quel jewel case del disco per Sega CD starà malissimo insieme a tutti i big box nel mio armadio.

Piccola considerazione riguardo il download “illegale” di giochi non più in commercio: Se le case produttrici non ritengono più vantaggioso economicamente mettere a disposizione dei potenziali acquirenti alcuni prodotti, perché mai continuano a detenerne il copyright e perseguire chi si procura le copia senza pagare? Pagherei volentieri direttamente alla Virgin per una copia di Heart of the Alien come di Another World per 3DO ma oltre al rarissimo usato (col quale la Virgin non becca un cent) non c’è modo di averne legalmente una. Come al solito il mercato sottovaluta i Nerd.